ALBI: ISOLA DI FRESCURA PER L’ADATTAMENTO CLIMATICO

0
80
by www.mairie-albi.fr

Un’isola di frescura per adattarsi al cambiamento climatico, è quella appena inaugurata ad Albi, cinquantamila abitanti in Occitania, nel sud della Francia.

Si tratta di una piccola rigenerazione urbana con rifunzionalizzazione di una precedente piazza più che uno spazio verde, realizzato negli anni ’80 durante la costruzione del quartiere circostante.

Il precedente assetto dei tremilacinquecento metriquadrati del Giardino Carlo d’Aragona non aveva prodotto gli esiti di aggregazione immaginati, il luogo era quindi sostanzialmente in disuso.

In sei mesi c’è stata la demolizione e la trasformazione in un piccolo parco che ha aumentato anche la capacità diretta e indiretta di drenare l’acqua piovana. C’è stata infatti l’incremento delle superfici permeabili e piantumate, nonché la realizzazione nel sottosuolo di una vasca di contenimento delle piogge in eccesso.

Ovviamente l’isola di frescura è stata ideata per essere utilizzata dagli abitanti del quartiere nell’ambito del progetto città verde a dieci minuti da casa. Per questo è stato anche concepito con isole per fasce di età al proprio interno, in modo che tutte le generazioni possano viverlo e socializzare seppure con in zone pensate per ciascuna esigenza.

Ci sono giochi per bambini, ma anche nebulizzatori per aumentare l’effetto frescura nelle giornate più calde. La sistemazione è stata decisa dall’amministrazione comunale di Albi insieme agli abitanti, ed è costata novecentocinquantamila euro.

La deimpermeabilizzazione dell’ex piazza contribuisce anche a ridurre l’isola di calore circostante, altro obiettivo di adattamento al cambiamento climatico insieme all’incremento delle superfici drenati.

L’accesso all’isola di frescura ha pure ridotto la velocità del traffico circostante, quindi la vivibilità per gli abitanti del quartiere, dato che sono stati inseriti attraversamenti pedonali rialzati che aumentano la sicurezza per i pedoni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here