GRENOBLE: UN OSSERVATORIO PER LA TRANSIZIONE AGROALIMENTARE

0
237

Un osservatorio agroalimentare per la transizione ecologica. E’ quello attivo da quattro anni a Grenoble per adattare il settore primario del dipartimento dell’Isere, quattrocentoquarantamila abitanti ai piedi delle Alpi francesi, nonché Capitale Verde d’Europa.

L’osservatorio è gestito dall’Agenzia all’Urbanistica e ha mappato le produzioni agricole locali e la loro evoluzione. Attualmente il quarantanove per cento del territorio è coltivato. Principali attività sono l’allevamento di bovini per carne e latte, la coltivazione di cereali, noci, frutta e verdura.

In questi anni la progressione delle produzione biologiche ha portato nel dipartimento a un incremento dell’occupazione del settore, mediamente in questo tipo di aziende la manodopera è infatti quattro volte superiore a quella delle imprese convenzionali.

Anche la multifunzionalità è in evoluzione, aumentano infatti le aziende agricole che trasformano i loro prodotti, li somministrano, e li vendono direttamente o in modo consorziato.

Le mense cittadine di Grenoble usano al settanta per cento prodotti locali, di cui un quarto biologici.

In città è anche diffusa l’agricoltura urbana, ci sono ventitré giardini condivisi sei frutteti collettivi, dodici alveari, e una fattoria urbana. In quest’azienda sono impiegate persone con percorsi di reinserimento, e i loro prodotti sono venduti nei ristoranti cittadini.

L’impatto climatico verso la transizione è monitorato, visto che il settore primario pesa, a livello francese, il ventidue per cento delle emissioni totali, quindi ridurne l’impatto è fondamentale.

Tra le attività di supporto sarà anche organizzato dall’amministrazione di Grenoble, il prossimo ottobre, un mese dedicato all’adattamento del sistema agroalimentare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here