EDIMBURGO SI ADATTA AL CAMBIO DEL CLIMA E CONTRASTA LA POVERTA’ ENERGETICA

0
190

Contrastare la povertà energetica è parte delle azioni di adattamento al cambiamento climatico della città di Edimburgo. In tutta la Scozia un quarto degli abitanti ha difficoltà a riscaldare le proprie case per il costo dell’energia.

La città da tempo si è dotata di strumenti per affrontare le necessità dovute all’innalzamento della temperature della Terra. Tra i problemi futuri da gestire, oltre agli eventi meteo estremi, quelli della zona costiera per l’incremento del livello del mare, l’amministrazione comunale stima tra i dieci e i diciotto centimetri entro il 2050.

Per questo è previsto l’incremento delle aree verdi, lo spazio dove i corsi d’acqua presenti in città possano allargarsi per l’incremento delle portate dovute alle piogge concentrate, nonché l’aumento delle superfici drenanti, anche devipavimentando dove possibile, spazi privati compresi.

L’incremento delle infrastrutture verdi servirà anche per aumentare la biodiversità, messa sempre a rischio dall’effetto serra.

Tutte queste misure servono anche a tutelare la salute delle persone, soprattutto di quelle più fragili e vulnerabili, che risentiranno maggiormente dell’aumento degli eventi meteo estremi.

Per questo motivo a Edimburgo nella progettazione di cento case nel Granton Waterfront si stanno tenendo in considerazione tutti questi elementi, con l’obiettivo di costruire abitazioni salubri e con ridotti costi di gestione.

L’amministrazione comunale sta anche cercando di realizzazione una o più comunità energetiche autonome partendo dall’installazione di pannelli fotovoltaici sugli edifici, che potrebbero alimentare anche stazioni di ricarica per veicoli. In questo modo, oltre a ridurre i costi dell’elettricità, si potrebbero redistribuire i proventi della commercializzazione di quella venduta in eccesso rispetto ai consumi.

In parallelo Edimburgo sta convertendo la flotta di autobus, e l’Università si è data il 2040 come obiettivo di neutralità per le emissioni climalteranti.

La città ha orizzonte 2050 per essere resiliente al cambiamento climatico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here