EDIMBURGO, PISTE CICLABILI E BUONI RIPARAZIONI BICI PER LA MOBILITA’ COVID 19

0
342

Anche la Scozia, e le sue città, si sono date una strategia di adattamento alla mobilità per la pandemia Covid basata sull’incremento dell’uso della bici.
Il governo ha stanziato poco meno di quaranta milioni di sterline perché le amministrazioni comunali si dotino di nuovi percorsi e piste ciclabili, anche temporanei, quelli delimitati con la segnaletica da cantiere, che si installa e rimuove in breve tempo. L’esecutivo scozzese ha pure introdotto un buono da cinquanta euro per la manutenzione delle bici, un modo per riattivare velocemente i tanti mezzi fermi nei cortili e nelle cantine.
Secondo l’associazione dei ciclisti scozzesi rispetto a un anno gli spostamenti urbani in bici in tutto il paese sarebbero quintuplicati, arrivando al tre e quattro per cento del totale. Il periodico rilevamento volontario con telecamere avviene in novantasette punti.
A Edimburgo sono arrivati cinque milioni di sterline dal governo, con i quali la città ha attrezzato una serie di percorsi ciclabili di cui i primi sono stati Crewe Road South, Old Dalkeith Road, e Bank Street. Oltre a queste infrastrutture la capitale scozzese ha pure allargato gli spazi pedonali in East Princes Street e South St David Street, infine sta riorganizzando la precedenza in centocinquanta attraversamenti stradali.
Come in altri paesi è stata data la possibilità agli esercizi pubblici di ampliare lo spazio per la somministrazione all’aperto.
Anche per gli autobus sono stati previsti investimenti, soprattutto per i mezzi extraurbani, per cui sono state previste nuove corsie preferenziali soprattutto sulle direttrici verso sud est per ridurre i tempi di percorrenza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here