TORONTO CICLABILE SPERIMENTA LE PISTE TEMPORANEE

0
817
Toronto: percorsi ciclabili

Il primo piano per la mobilità ciclistica di Toronto, in Canada, è del 2001. Il movimento politico e culturale per sostenere la mobilità con le bici, sia come mezzo di trasporto quotidiano che per il tempo libero, è iniziato a metà degli anni ’70 e sta proseguendo ancora oggi.
La città ha tre milioni e centomila abitanti, che diventano sei nell’area metropolitana.
Il piano bici di Toronto prevede di arrivare a mille chilometri di percorsi ciclabili, a oggi sono seicentoventi. La classificazione prevede percorsi in sede stradale separata, quelle delimitate solo da segnaletica, quelle nei parchi, quelle condivise, realizzate quindi per moderare la velocità per gli autoveicoli e proteggere i ciclisti.
In questi anni la mobilità sulle due ruote è cresciuta lentamente ma in modo costante grazie alle politiche culturali, oltre a quelle di realizzazione delle infrastrutture.
Per questo l’educazione stradale per bambini e adulti all’uso delle due ruote è continua.
Tra le attenzioni da parte dell’amministrazione quella di mantenere sempre in condizioni di fruibilità i percorsi ciclabili, anche quando nevica, quindi la città si è dotata di un piano per lo spargimento del sale e di rimozione della neve a partire dai percorsi di maggiore utilizzo.
Negli anni a Toronto è stata anche incrementata la possibilità di trasportare le bici sui mezzi pubblici, per quelle pieghevoli non ci sono limitazioni di orari. Inoltre sono anche stati incrementati i parcheggi di interscambio e gli stalli vicino alle fermate dei pullman.
Dal tessuto associativo, che dagli anni ’70 spinge per la diffusione della mobilità ciclistica, si è anche sviluppata una serie di attività legate alla manutenzione e riparazione delle bici.
Negli ultimi anni sono iniziate le realizzazioni di percorsi ciclabili temporanei, così da misurare gli effetti sulla viabilità, sulla sicurezza stradale, e sul commercio. Un sistema che permette anche di tornare indietro qualora gli esiti delle sperimentazione non siano positivi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here