L’ANELLO CICLABILE DI VALENCIA

0
732

La mobilità a Valencia è diventata anche ciclistica grazie all’istituzione dell’anello ciclabile attorno al centro storico.
La capitale dell’omonima regione spagnola, in poco più di due anni, è riuscita a modificare abitudini consolidate, grazie alla riduzione della carreggiata stradale attorno al centro, e alla sua trasformazione in circonvallazione riservata alla due ruote, lunga quasi cinque chilometri.
E’ stata una strategia molto forte quella utilizzata dall’amministrazione di Valencia, città da ottocentomila abitanti abituati all’uso del mezzo privato, anche se non ostili alle bici.
Oltre all’anello ciclabile, infatti, sono state realizzati altri percorsi riservati alle due ruote, sempre riducendo le carreggiate stradale. Inoltre sono state istituite zone con il limite di velocità a trenta chilometri orari, un modo per incentivare la coesistenza tra auto e bici, salvaguardando la sicurezza dei ciclisti.
Per creare la cultura della mobilità ciclistica e dello spazio urbano a disposizione di tutti, sono state realizzate anche manifestazioni ludico ricreative, e sono stati emanati regolamenti per migliorare la coesistenza tra mezzi di trasporto.
Oggi gli spostamenti in bici sono il sedici per cento di quelli totali.
Ovviamente a Valencia non mancano servizi come il bike sharing e itinerari cicloturistici, che consentono di girare anche i piacevoli dintorni dell’area metropolitana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.