LE LIBRERIE MULTIFUNZIONALI DEL BORGO DI OBIDOS

0
354

Librerie multifunzionali per la nuova vivibilità dell’antico borgo. Obidos, Portogallo, tremila abitanti a settanta chilometri a nord della capitale Lisbona ha trovato una sua vocazione sostenibile anche grazie agli scaffali carichi di testi aggiunti dal 2013 ai negozi tradizionali.
E’ una formula originale quella della città dei libri di Obidos, lanciata da un grande libraio di Lisbona, che sei anni fa ha proposto al piccolo borgo di essere un luogo dei testi stampati. Per questo ha suggerito agli esercizi esistenti di introdurre in assortimento anche libri, in vendita oppure in sola consultazione. Così il locale albergo è diventato una biblioteca da cinquantamila libri, e così in una ex chiesa sconsacrata al posto dei banchi per sedersi sono state messe scaffalature.
Questa trasformazione ha coinvolto anche il negozio di prodotti alimentari biologici e le gallerie d’arte, ciascuno ha personalizzato l’offerta dei libri in base alle merci e agli oggetti che già vendeva.
Una ex scuola elementare è stata trasformata in libreria per bambini.
L’elenco comprende una quindicina di esercizi, che sono coinvolti anche nella realizzazione degli eventi, dalle maratone di lettura ai concerti, dalle proiezioni alle presentazioni. Non mancano neanche iniziative con scrittori di fama internazionale, grazie a un concorso e a due festival di letteratura, di cui una dedicata a quella di viaggio.
Intanto questo fermento culturale e commerciale sta favorendo altri recuperi del borgo, sia per il recupero di luoghi storici, sia per il ripristino di case abbandonate. Alcune di queste sono diventate spazi per scrittori e artisti, e anche per liberi professionisti creativi.
Grazie al nuovo fermento culturale a Obidos sono in corso ulteriori recuperi di luoghi simbolo e spazi del borgo medioevale, così come le mostre hanno una maggiore fruizione, vista la crescita di turisti che frequentano la piccola città fortificata e i suoi dintorni. Le mostre, infine, hanno una maggiore fruizione, vista la crescita di turisti che frequentano la piccola città fortificata e i suoi dintorni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.