LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE DI GLASGOW

0
131

La gestione sostenibile delle acque è una delle azioni più innovative e complesse del piano clima di Glasgow, in Scozia. Il documento che governa tutte le azioni che ne ne sono scaturite si chiama Partenariato strategico per il drenaggio dell’area metropolitana.
La capitale economica del paese celtico, terza città del Regno Unito con oltre seicentoventimila abitanti, nel 2008 ha deciso di darsi sei principi nella propria strategia idrica: riduzione dei rischi di alluvione, miglioramento della qualità delle acque fluviali e dell’habitat, favorire lo sviluppo economico, e pianificazione integrata degli investimenti.
Per questo ha declinato i temi in una serie di obiettivi che definiscono le azioni: valorizzazione della biodiversità urbana e del paesaggio, riconnessione dei corsi d’acqua e ricostruzione dei corridoi ecologici circostanti, progettare soluzioni di drenaggio sostenibili, economiche e resistenti alle piogge battenti, cercare di mantenere l’acqua piovana in superficie, e integrare la pianificazione idrica in tutti i lavori pubblici e privati.
In questi dieci anni sono numerose e di tipo diverse le opere realizzate, da quelle imponenti, come lo scolmatore sotterraneo da cinque chilometri di Shieldhall, per evitare che le acque nere fossero smaltite nel fiume Clyde, agli stagni nel sud della città. Con questo sistema inizia una fitodepurazione delle acque bianche in eccesso, si alimenta la falda, e il loro rilascio nei torrenti è rallentato rispetto al momento della piena.
Non mancano progetti per bacini di raccolta temporanea nei parchi, vasche di stoccaggio sotterranee, stazioni di pompaggio, e altre soluzioni idrauliche per evitare che le acque piovane in eccesso diventino acque nere perché smaltite nelle fognature. L’amministrazione comunale sostiene anche la realizzazione di tetti con vegetazione, che oltre a trattenere l’acqua piovana, riducono i consumi energetici.
Tutte le opere sono anche pensate per migliorare il paesaggio, a partire dal legame tra le parti edificate e le aree verdi o con presenza di corsi d’acqua. Questo sta migliorando anche la vivibilità di Glasgow, oltre alla sicurezza da eventi estremi, quindi anche la sua attrattività economica.

Articolo precedenteBELGIO: LA FILIERA DEL LATTE FIENO IN VALLONIA
Articolo successivoBARCELLONA RECUPERA SPAZIO PUBBLICO E VIVIBILITA’
49 anni, lavoro come giornalista a Radio Popolare dal 1993, e sono stato tra il 2016 e il 2019 capo di gabinetto del Sindaco di Pavia Massimo Depaoli. Sono anche consulente per le relazioni esterne e la comunicazione per la Confederazione Italiana Agricoltori di Mi-Lo-Mb e curo la rubrica Pratiche Sostenibili per il mensile Consumatori di Coop. Ho scritto per i quotidiani La Provincia di Como e La Prealpina di Varese, e il bimestrale Fv-Fotovoltaici. Sono stato anche assessore all'ambientge e allo sviluppo sostenibile di Sesto San Giovanni e consigliere della zona 2 di Milano. Ho quindi un'anima divisa in due tra giornalismo e amministrazione pubblica, alla quale possiamo aggiungere quella per i formaggi, dei quali sono maestro assaggiatore Onaf e membro di giuria di concorsi caseari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.