INNSBRUCK E’ VIVIBILE GRAZIE ALLA MOBILITA SOSTENIBILE

0
210

Settantaquattro per cento di mobilità con mezzi pubblici, biciclette e a piedi. E’ Innsbruck, Austria, centocinquantamila abitanti, città medievale ma anche moderna, dove antico e contemporaneo convivono con eleganza.
E’ un bel primato quello della capitale del Tirolo, una media città con una mobilità a basso impatto ambientale in percentuale così alta è una buona pratica, normalmente riservata ad alcune grandi metropoli centro europee. Elemento fondamentale è la compatezza della città, che permette di mantenere una buona rete di mezzi pubblici con numerosi utenti, grazie all’alta densità abitativa. La pianificazione urbanistica in questo è stata protagonista, con il piano territoriale per i prossimi dieci anni contiene il consumo di suolo.
I risultati parlano chiaro, ventotto per cento di spostamenti a piedi, ventisei con i mezzi pubblici, altrettanti in auto, e venti in bici. Questo risultato è l’esito di politiche pubbliche iniziate negli anni ‘90, per cui l’occupazione di suolo pubblico per il parcheggio è fatta pagare cara per la sua ristrettezza, due euro l’ora in centro, e massimo novanta minuti di sosta, nei quartieri, invece, la metà del prezzo, senza tempo, e con un limite giornaliero di sette euro. Le stesse tariffe sono applicate nei seimila posti dei parcheggi sotterranei.
Grazie a questo sistema l’abbonamento annuale ai mezzi pubblici è sceso a trecentoquaranta euro dai precedenti quattrocentosessanta, e un terzo degli abitanti di Innsbruck ne possiede uno. Il prezzo del singolo biglietto è caro, sulle vetture del trasporto pubblico arriva fino a due euro e dieci perché fa perdere tempo al conducente-bigliettaio.
In tutto questo il commercio in centro città è cresciuto, smentendo le proteste degli esercenti che inizialmente erano contrari alla riduzione del trasporto privato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.