FUNGHI E ORTI PER DISABILI NELL’AGRICOLTURA DI PARIGI

0
336

 

parigi agricoltura urbanaE’ in pieno fermento l’agricoltura urbana di Parigi. La capitale francese sta ricostruendo il proprio rapporto città-campagna-approvvigionamento alimentare, un rapporto che a partire dalla seconda guerra mondiale si era affievolito.
Adesso le coltivazioni di città, per autoconsumo o per la vendita ai cittadini, non solo crescono di numero, ma sono anche innovative per tutta l’agricoltura urbana, non solo quella francese.
Al di là delle espulsione delle coltivazioni a trenta chilometri dalla città avveniva negli scorsi decenni, Parigi era comunque rimasta la capitale di un paese dove l’agricoltura è centrale. Non a caso l’attività delle camere per l’agricoltura è costante, e nella stessa capitale si svolge il principale salone agricolo europeo.
A Parigi sono molteplici le buone pratiche di aziende agricole che hanno introdotto innovazioni nelle attività svolte, come la riduzione dell’uso di energia, quindi della produzione di anidride carbonica, l’uso dei rifiuti organici come concime, oppure la verifica dell’inquinamento di frutta e verdura prodotte in città. Tra le attività degli agriturismi urbani c’è anche la reintroduzione delle coltivazioni dei funghi champignon (Champignon de Paris), nate nel seicento nelle catacombe parigine.
Ovviamente c’è spazio anche per l’apicoltura urbana, attività comune a numerose città europee e nordamericane.
Nella capitale francese ci sono orti urbani e giardini di comunità biologici, tra questi ce n’è anche uno attrezzato per consentire l’accesso alle persone con disabilità motoria.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here