content top

LA FILIERA CORTA DI AMSTERDAM

amsterdam festival agricolturaLa filiera corta ha fatto breccia nelle mense pubbliche dell’area metropolitana di Amsterdam, e ha portato a una crescita delle aziende agricole dei dintorni, anche biologiche.

E’ questo l’esito di un progetto durato tre anni, che ha interessato la penisola a nord della città olandese.
Obiettivo dell’iniziativa, che ha coinvolto le istituzioni locali e i produttori, è stato quello di ricreare un legame tra città e campagna, ridurre le emissioni di anidride carbonica e migliorare l’alimentazione, quindi il benessere della popolazione.
Le mense delle scuole sono state coinvolte aumentando nei pasti la percentuale di verdura e frutta fresca, in quelle degli istituti superiori ci sono stati anche momenti di formazione, comprese visite nelle aziende agricole. Nei capitolati di appalto della ristorazione pubblica, scuole, ma anche ospedali e centri diurni, c’è stato anche l’inserimento di quote di prodotti del territorio, e anche coltivati biologicamente.
Per aiutare le coltivazioni organiche è stata potenziata la raccolta differenziata dei rifiuti umidi, gli scarti di cucina e lo sfalcio del verde, così da ottenere compost sempre nell’area metropolitana di Amsterdam.
Le amministrazioni comunali hanno anche realizzato, e dato in concessione agli abitanti, orti urbani ricavati dal recupero di terreni abbandonati.
Anche la comunicazione, attraverso l’organizzazione di eventi come festival, è stato un elemento strategico per ricostruire il legame tra gli abitanti della città olandese e la propria vicina campagna.
Questi nuovi impulsi all’agricoltura urbana e periurbana hanno riportato al lavoro rurale nuovi giovani imprenditori, e le loro capacità di innovare.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.