L’AGRICOLTURA PERIURBANA SVILUPPA L’INNOVAZIONE SOCIALE

0
5

rete agrosociale

Una rete per l’agricoltura sociale di vicinato. E’ la Red Agrosocial della Catalogna, quindici cooperative impegnate nell’inserimento lavorativo e nella società di persone con disabilità, malattie mentali ed escluse socialmente.
E’ un’esperienza importante quella sostenuta anche economicamente dalla locale cassa di risparmio, che aiuta pure le imprese che collaborano con la rete. In Catalogna l’agricoltura è un settore fiorente, e quella periurbana, dedicata cioè ai bisogni dei vicini centri abitati è sviluppata e in continua evoluzione. Il parco agricolo del Baix Llobregat, e la sua connessione con i mercati pubblici coperti di Barcellona, come quello della Boqueria, consentono di rifornire l’area metropolitana di prodotti freschi e locali, e di mantenere il bel paesaggio catalano. Proprio la ricchezza creata da questo sistema agricolo vede anche uno sviluppo di cooperative sociali, che lavorano la terra o fanno servizi legati al mondo primario.
Le quindici coop della Rete Agrosocial della Catalogna danno lavoro a millequattrocento persone, di cui millecento con disabilità o a rischio di esclusione sociale. Oltre a coltivare la terra e ad allevare animali, si dedicano alla trasformazione e alla commercializzazione diretta dei prodotti agricoli, in alcuni casi biologici. Tra le attività svolte ci sono anche il recupero dei semi di varietà rare, la gestione di orti urbani e di foreste aperte alla fruizione pubblica, e la raccolta di oli vegetali esausti.
La cassa di risparmio sostiene anche le imprese che affiancano le cooperative per la realizzazione di servizi innovativi, come quelli esistenti o ancora da inventare, la multifunzionalità delle aziende agricole periurbane offre infatti ancora innumerevoli possibilità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.