I POLLAI COMUNITARI DI NEW YORK

0
529

pollai comunitari

Ci sono anche i pollai comunitari a New York. La nuova frontiera dell’agricoltura urbana passa anche dalla piccola zootecnia sostenibile per l’autoconsumo.
Negli Stati Uniti la necessità di un’educazione alimentare che inserisca i cibi freschi nella dieta quotidiana ha assunto da tempo le dimensioni di un’emergenza nazionale. Anche per questo motivo sono nati numerosi movimenti per il cibo di qualità negli ultimi decenni, come quello degli agricoltori biologici e dei mercati contadini, oppure dei birrifici artigianali.
L’agricoltura urbana, in città come New York, è pienamente inserita in questo filone di riscoperta dell’alimentazione equilibrata in connessione con il territorio circostante.
Gli orti urbani ne sono l’espressione più nota, anche per gli aspetti di recupero di luoghi abbandonati e per il benessere che trasmette il lavoro della terra, magari anche solo per farne un giardino per il tempo libero.
A New York da sei anni c’è un programma per aiutare coloro che vogliono realizzare nelle zone degli orti urbani anche pollai comunitari.
A curarlo, usando internet è il mondo digitale, è una comunità del cibo che fa assistenza e formazione per realizzare pollai comunitari e anche scolastici. In questi ultimi è pure possibile smaltire una parte degli avanzi delle mense. Mentre a Brooklyn un’associazione caritatevole ha iniziato a distribuire uova autoprodotte nel proprio pollaio. Questi ultimi due esempi raccontano come gli sviluppi dell’agricoltura urbana siano molteplici sia nelle produzioni, nell’educazione e anche nella solidarietà.

Un altro esempio di come da un orto comunitario nascano nuove iniziative c’è a Berlino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here