INDIPENDENZA ENERGETICA PER CINQUANTA COMUNI IN BAVIERA

1
307
Sul confine (Foto: Municipio di Fürstenfeldbruck)

Una grande comunità energetica autonoma partendo da Fürstenfeldbruck, nel sud della Germania. In questa zona della Baviera cinquanta comuni si sono alleati per avere entro il 2030 calore ed elettricità solo da fonti locali e rinnovabili, l’iniziativa riguarda centonovantunomila cittadini e relativo indotto produttivo.

Le amministrazioni locali sono partite dalle buone pratiche energetiche di Fürstenfeldbruck e dalle azioni dall’Agenda 21 per lo sviluppo sostenibile. Un processo amministrativo iniziato nel 1993, che ha visto nascere nel 2000 un Forum sull’Energia che coinvolge cittadini istituzioni, e mondo delle imprese.

L’ulteriore evoluzione è stata l’elaborazione di un piano clima per limitare le emissioni che riscaldano il pianeta secondo il 20-20-20 dell’Unione Europea. I trentatremila abitanti di Fürstenfeldbruck sono abituati, fino dal 1992, a vedere pannelli fotovoltaici sui tetti degli edifici pubblici. Per diffonderne l’istallazione anche sugli immobili privati il comune ha attivato una sezione del proprio sito internet.

L’uso delle rinnovabili nel circondario bavarese non è limitato al sole, ma anche alle bioenergie ottenute dai rifiuti organici o dalle locali coltivazioni, in questo caso ci sono reti di teleriscaldamento per sfruttare la produzione di calore. Altre fonti sono l’acqua, con implementazioni di impianti idroelettrici di nuova generazione, e l’eolico.

Questa situazione impiantistica ha portato l’autonomia nella produzione energetica della cittadina bavarese al 60%, grazie anche alla riduzione dei consumi degli edifici. L’obiettivo che si sono dati Fürstenfeldbruck e i cinquanta comuni del distretto è di arrivare entro il 2030 a dimezzare questi consumi, e di essere totalmente indipendenti nella produzione.

Altre comunità energetiche autonome in Germania si trovano a Feldheim e Wildpoldsried e in Austria a Gussing e Schwaz, mentre un altro esempio di unione di comuni è il Roman Land Carnuntum.

Articolo precedenteVENTISETTE COMUNI VERSO L’INDIPENDENZA ENERGETICA
Articolo successivoTRAFFICO MILANO, UN BARCAMP PER LA NUOVA MOBILITA’
49 anni, lavoro come giornalista a Radio Popolare dal 1993, e sono stato tra il 2016 e il 2019 capo di gabinetto del Sindaco di Pavia Massimo Depaoli. Sono anche consulente per le relazioni esterne e la comunicazione per la Confederazione Italiana Agricoltori di Mi-Lo-Mb e curo la rubrica Pratiche Sostenibili per il mensile Consumatori di Coop. Ho scritto per i quotidiani La Provincia di Como e La Prealpina di Varese, e il bimestrale Fv-Fotovoltaici. Sono stato anche assessore all'ambiente e allo sviluppo sostenibile di Sesto San Giovanni e consigliere della zona 2 di Milano. Ho quindi un'anima divisa in due tra giornalismo e amministrazione pubblica, alla quale possiamo aggiungere quella per i formaggi, dei quali sono maestro assaggiatore Onaf e membro di giuria di concorsi caseari.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here