content top

PAESAGGIO COMMESTIBILE PER LA COESIONE S...

PAESAGGIO COMMESTIBILE PER LA COESIONE SOCIALE DI BALTIMORA
Ci sono anche gli alberi da frutto nella via alla sostenibilità di Baltimora, sulla costa orientale degli Stati Uniti. La più grande città del Maryland ha infatti incluso l’agricoltura urbana nel suo piano per la sostenibilità. Le coltivazioni cittadine sono da sempre un elemento del suo paesaggio, e negli ultimi anni questa caratteristica è entrata nelle strategie amministrative...

DALL’ORTO ALL’AZIENDA PER LA...

DALL’ORTO ALL’AZIENDA PER LA SOSTENIBILITA’ DI COLUMBUS
Giardini comunitari come infrastrutture per l’agricoltura urbana, sia familiare, che delle piccole produzioni locali. A Columbus, Stati Uniti, le esperienze di gestione di orti e giardini da parte di cittadini, da alcuni anni, stanno evolvendo in luoghi per la diffusione della conoscenza e anche per la creazione di posti di lavoro. L’agricoltura è sia strumento che...

SOSTENIBILE DOPO UN TORNADO: GREENSBURG,...

SOSTENIBILE DOPO UN TORNADO: GREENSBURG, KANSAS
Una comunità energetica autonoma che è nata da un disastro. Questa è la storia di Greensburg, piccolo centro del Kansas, Stati Uniti. Nel 2007 un tornado della classe più catastrofica ha letteralmente raso al suolo il novantacinque per cento della abitazioni del comune, allora abitato da millecinquecento persone, uccidendone undici. Dopo il disastro la comunità si è interrogata sul...

L’ECONOMIA DELLA CONDIVISIONE SALV...

L’ECONOMIA DELLA CONDIVISIONE SALVA LE PICCOLE LATTERIE
Latterie di comunità, grazie ai micro finanziamenti degli abitanti del territorio, da Inghilterra e Stati Uniti arrivano i primi esempi. Il mantenimento, e il nuovo sviluppo, della zootecnia biologica e diffusa dei piccoli allevamenti, passa anche dall’adozione delle aziende rurali con allevamento di vacche da latte da parte di chi vive nei dintorni. L’economia locale della...

SEATTLE NEUTRALE PER IL CLIMA, EMISSIONI...

SEATTLE NEUTRALE PER IL CLIMA, EMISSIONI -90% ENTRO IL 2050
Seattle vuole diventare una città neutrale per le emissioni di anidride carbonica. A giugno, dopo due anni di analisi e discussioni, si è infatti dotata di un piano per ridurre del novanta per cento, entro il 2050, i gas che provocano l’aumento della temperatura della terra. Il punto di partenza per il calcolo, però, sono le emissioni climalteranti del 2008, e non quelle del 1990, come...

« Older Entries