content top

L’ASIMMETRIA DEL TUNNEL CICLOPEDONALE DELLA STAZIONE DI AMSTERDAM

Un tunnel asimmetrico sotto la stazione ferroviaria di Amsterdam dedicato solo a ciclisti e pedoni. Un’infrastruttura che potenzia e velocizza l’intermodalità con i mezzi pubblici.
Sono i centodieci metri di galleria, larga dieci e alta tre, che evitano ai pendolari, in viaggio verso i traghetti, di passare dentro la stazione.
Arriva ancora una volta dall’Olanda l’innovazione per la mobilità sostenibile, un collegamento sotterraneo di nuova generazione, per la concezione architettonica e per il tipo di interscambio che semplifica.
Il tunnel è diviso a metà, anche visivamente, il lato chiaro per i pedoni, lievemente rialzato, piastrellato a terra e alla parete con un mosaico che ricostruisce un’immagine di navi del ‘700, e uno più scuro, con asfalto e intonaco fonoassorbente dall’altro. Con la suddivisione di livello e di utilizzo appositamente illuminata.
Nei Paesi Bassi la progettazione delle infrastrutture per la mobilità prende in considerazione come le diverse utenze si possano suddividere in base alle soluzioni architettoniche: colori, dislivelli, illuminazioni. L’evoluzione di questa filosofia è rintracciabile in numerose opere, come le stazioni ferroviarie, grandi e confortevoli luoghi di interscambio molto integrati, caratteristiche ancora più sviluppate in quelle di recente costruzione.
La funzionalità del tunnel della stazione di Amsterdam è stato potenziato dalla confluenza nella zona dei traghetti di altri due itinerari ciclistici, e soprattutto dalla realizzazione di un’altra galleria, questa volta per le auto, che ha diviso definitivamente i flussi della mobilità ciclopedonale e dei mezzi pubblici, da quella privata.
Per i ciclisti la riduzione dei tempi di percorrenza è di circa cinque minuti al giorno, tra mattino e tardo pomeriggio, mentre per i pedoni non vi è più l’incrocio con i pendolari dei treni. Per altro le ferrovie ovunque cercano di evitare che le stazioni siano luogo di transito e qualificano gli spazi per commercio e servizi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.