content top

GLI AGRICOLTORI SVIZZERI MANTENGONO IL PAESAGGIO

Val Mustair, Canton Grigioni

Da cinque anni sono considerati anche arredatori d’esterni gli agricoltori svizzeri. Nella confederazione, infatti, i contadini sono coinvolti attivamente nel mantenimento del paesaggio, un altro compito per cui è riconosciuto loro un ruolo nella sicurezza del paese.
Il mantenimento delle coltivazioni agricole delle montagne è un elemento centrale in Svizzera, il paese, infatti, sorge in mezzo alle Alpi, per cui l’approvvigionamento alimentare e la sicurezza idrogeologica sono aspetti alquanto tenuti in considerazione. Un’attenzione che ha trasformato in ulteriore ricchezza per fini turistici la cura del paesaggio, attrattore di visitatori dall’estero.
Il ruolo degli agricoltori è riconosciuto anche economicamente, non solo socialmente.
A settembre del 2017 un referendum proposto dai contadini, approvato a larghissima maggioranza, ha fatto introdurre nella costituzione la sicurezza alimentare a partire dalla produzioni nazionali, e alla necessità di “relazioni commerciali transfrontaliere che concorrano allo sviluppo ecologicamente sostenibile dell’agricoltura e della filiera alimentare”.
Per la cura del paesaggio esiste un prezzario per le numerose azioni che possono essere svolte. Fare essiccare il fieno con i tipici alti pagliai è sovvenzionato con centottanta franchi svizzeri, ed è un’usanza sempre al servizio del paesaggio a fini turistici. Per manutenere i viali alberati gli agricoltori ricevono quindici euro ad albero, e così via per prati fioriti, muretti a secco, fontane in legno. Sono cinque anni che esistono i contributi per la qualità del paesaggio, e il settanta per cento dei contadini elvetici ne fruisce. Quest’innovazione riconosce ulteriormente il ruolo delle esternalità ambientali dell’agricoltura, quei vantaggi sociali e territoriali che apporta il lavoro della terra alle comunità dove avviene.
Nella confederazione già da tempo ci sono premi per i contadini che mantengono meglio i loro prati, un altro modo di preservare paesaggio e allevamenti sulle Alpi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *