content top

CENTO ETTARI PER L’AGRICOLTURA URBANA DI PARIGI

Cento ettari verdi entro il 2020. E’ una delle iniziative in atto a Parigi a sostegno dell’agricoltura urbana, si tratta di un piano nato da quasi due anni dopo una consultazione pubblica dell’amministrazione comunale con la cittadinanza.
Le azioni a sostegno della coltivazioni di spazi pubblici e privati, anche di tetti e facciate, vede una serie di iniziative realizzate in collaborazione tra l’amministrazione e i cittadini, o anche solo di attività intraprese da operatori privati, immobiliaristi compresi, oltre a quelle dirette del Comune. Sono oltre settanta le aziende private, soprattutto di grandi dimensioni, che hanno aderito all’iniziativa.
Tra le azioni simbolo c’è la vigna dell’Hotel de la Ville, il municipio di Parigi, in pieno centro, a poca distanza dalla cattedrale di Notre Dame, che da un anno ospita un orto con vigneto, dopo un lavoro di anno per adattare la struttura a ospitare la coltivazione. Lo scopo dell’orto è anche di migliorare le prestazione energetiche dello storico edificio, isolandolo maggiormente da caldo e freddo, di recuperare le acque piovane per mantenere le piante e di ridurre l’apporto delle piogge nelle fogne dei momenti di picco, oltre quindi a evitare di trasformarle in acque nere.
L’obiettivo dei cento ettari è ambizioso, per questo ogni anno sono banditi due concorsi per sostenere economicamente la realizzazione di nuovi progetti di coltivazioni urbane, e di orientamento dei consumatori, e della ristorazione, verso prodotti dell’agricoltura periurbana della città metropolitana.
Lo scopo dell’iniziativa non è l’autosufficienza alimentare di Parigi, sarebbe impossibile, ma ridurre l’impatto del suo approvvigionamento e di migliorare anche la qualità dei consumi, oltre la resilienza della capitale francese, che, come tutte le città, dovrà adattarsi ai cambiamenti climatici in corso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *