content top

OAKLAND RACCOLTA DIFFERENZIATA AL 90% ENTRO IL 2020

oakland recupero oli esaustiE’ in piena evoluzione la raccolta differenziata di Oakland in California, nella baia di San Francisco. Obiettivo del piano rifiuti urbani in vigore è recuperare e riciclare entro il 2020 il novanta per cento dei rifiuti che ora finiscono in discarica. Le premesse per la riuscita ci sono, dal 1990 al 2005, la riduzione era già stata di un terzo, ed ora è stata raggiunto la metà dell’obiettivo, in linea con le previsioni.
Nel piano cittadino per la sostenibilità, il piano rifiuti con raccolta differenziata spinta, riciclaggio e riduzione nella produzione di scarti, è un ambito molto rilevante. Rispetto agli standard europei la classificazione è diversa, per esempio le macerie sono conteggiate negli scarti urbani, il progetto di Oakland, che ha trecentonovantamila abitanti, è alquanto interessante perché coinvolge gli ambiti industriali potenzialmente interessanti al riciclo dei materiali della raccolta differenziata. Tra queste vi è il compostaggio degli scarti di cucina e dello sfalcio del verde. Un ambito di intervento, dovuto anche alla sicurezza idraulica, è quel del recupero degli oli e grassi esausti per evitare che si accumulino nei condotti fognari. I grandi quantitativi sono raccolti in appositi contenitori, quelli piccoli sono smaltiti insieme alla carta assorbente nella frazione umida.
Nel piano rifiuti di Oakland è stata data importanza anche all’impatto stesso dell’erogazione del servizio, per cui sono stati adottati camion a basso impatto ambientale alimentati a gas naturale.
Non mancano neppure le iniziativa pubbliche, dove, oltre alla sensibilizzazione, sono coinvolti i cittadini per verificare se è possibile migliorare la sostenibilità dei servizi e dei prodotti attraverso la riprogettazione degli stessi. I designer sono i più interessati, ma la partecipazione non è riservata solo a loro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *