content top

L’ESPERIENZA DI MONTREAL NELL’AGRICOLTURA PERIURBANA E URBANA

montreal orti comunitari

Agricoltura che si rapporta con la metropoli e che si pratica nella città, per il proprio benessere e per la sovranità alimentare. Benvenuti a Montreal, Canada, capitale della regione francofona del Quebec, che della tradizione culturale d’oltreoceano ha conservato anche il rapporto con la terra.
Proprio l’agricoltura dei dintorni della città è sempre stata collegata con gli abitanti di Montreal grazie ai grandi parchi, che sono alquanto presenti nello stesso tessuto urbano. Qui una parte delle aziende agricole presenti vende direttamente ai cittadini i propri prodotti grazie ai gruppi di acquisto.
Nei parchi ci sono anche altre infrastrutture come una fattoria sperimentale e un ecomuseo, dove si provano nuove attività legate all’agricoltura, come l’accoglienza turistica o la trasformazione dei prodotti della terra, tra cui non poteva mancare lo sciroppo d’acero, d’altronde la foglia di quest’albero è presente anche nella bandiera del Canada.
Nel panorama delle aziende agricole di vicinato di Montreal ce ne sono numerose a coltivazione biologica o che fanno attività sociale per recuperare persone in difficoltà. Ovviamente ci sono attività didattiche per chi vuole farne una professione, magari arrivando da altri paesi.
Questa tradizione si collega anche a quella delle produzioni familiari o per piccole comunità. I primi orti comunali risalgono al 1975, adesso ci sono novantacinque siti per dodicimila piccoli appezzamenti. Sono numerose le attività di sostegno come le giornate dei salvatori dei semi, diffusori di biodiversità senza diritto d’autore per le aziende sementiere, o come i corsi per realizzare orti scolastici o per piccole comunità, meglio se biologici o biodinamici.
Tra le iniziative che sono organizzate a Montreal c’è anche la formazione per poter diventare apicoltori urbani. La tutela della biodiversità passa infatti dall’impollinazione naturale delle piante che fanno questi insetti, troppo a rischio per la diffusione nell’agricoltura industrializzata di sostanze che li uccidono.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *